USB ROMA CAPITALE: MARINO, CLEMENTE, E MAFIA CAPITALE CHE C’ENTRANO GLI OPERATORI DELLA POLIZIA LOCALE?

Roma -

Tanto per cambiare gli agenti della polizia locale vengono coinvolti negativamente in operazioni di comunicazione mediatica, nella presentazione del film “Mondo di mezzo”, un agente della polizia locale viene portato via in manette dalla polizia di stato!

 

Questo è il messaggio distorto e infame che la Giunta Marino e il Comandante Clemente hanno dato della Polizia Locale di Roma Capitale, senza dover ricordare che nessun operatore della Polizia Locale di Roma Capitale è stato coinvolto in Mafia Capitale, mentre molti sono stati i politici e molti i Dirigenti dell’Amministrazione capitolina che sono stati coinvolti in fatti criminosi.

 

Non ci sembra che il Comandante Clemente sia mai riuscito, nelle sue grandi capacità investigative, ad incriminare alcun politico o alcun Dirigente dell’ Amministrazione, mentre fu capace di mobilitare la magistratura, l’interpol, i carabinieri per dimostrare che i colleghi che a capodanno del 2015 presentarono il certificato medico erano dei pericolosi criminali.

 

L’immagine del Trailer del film “Mondo di Mezzo” è il frutto di una costruzione mediatica tutta improntata sul concetto del vigile fannullone.

Nonostante le varie assoluzioni e non luoghi a procedere nei confronti dei colleghi, stiamo ancora aspettando dalla Sindaca Raggi e dal Comandante Porta una dichiarazione che riabiliti e riconosca la serietà dell’operato del personale della Polizia Locale.

 

DIGNITA’ E RISPETTO PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE